FANDOM



Il Giocattolaio
X mickey 15
Informazioni generali
Codice Inducks:I XM 15-1
Sceneggiatura:Bruno Enna
Disegni:Roberta Migheli
Prima uscita:Luglio 2003,

X-Mickey 15/986

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:38
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Il giocattolaio è una storia della serie X-Mickey, serie dalle atmosfere gotiche-horror senza rinunciare però a un tocco di umorismo, scritta da Bruno Enna e disegnata da Roberta Migheli.

Trama

Topolinia, una sera come tante, in una casa qualsiasi durante una festa di compleanno, un essere mostruoso sbuca dal pacco di un regalo. La creatura ha inseguito il padrone di casa, che è riuscito a rinchiuderla in un ripostiglio. All'arrivo della polizia, gli agenti non hanno creduto a quell'assurda storia ma quando si avvicinano alla porta dal quale esce uno strano essere, cosi racconta Marzabar i fatti raccontati su un giornale a Topolino il quale sembra però non credere a ciò che racconta il giornale. Quando il postino va via, Topolino riceve uno strano messaggio su una scatola di cereali da parte di Manny che lo avvisa che delle forze maligne stanno attraversando i varchi dell'impossibile per venire nel suo mondo e di cercare informazioni su Pupetz, un tizio che vive a Topolinia.

Quella sera Topolino, al Topo Bianco, racconta tutto a Pipwolf, Ice e Cugino Hobi e chiede a Piwolf di accompagnarlo nel mondo dell'impossibile per capirci un po di piu. Pipwolf sentendo che Topolino vuole andare da Manny si arrabbia dicendogli di farsi accompagnare da lei, poichè il giorno precedente avrebbe dovuto dare l'esame orale per accompagnatori ma nella prova d'imitazione si è emozionato facendo una brutta figura e Manny si è arrabbiata con lui perchè ci tiene che lui diventi accompagnatore del mondo dell'impossibile ed è per questa ragione che Manny ha contatto da sola Topolino provocando i suoi malumori visto che gli avrebbe fatto piacere contattare lui stesso Topolino per riferirgli di questi strani eventi. Topolino però chiede a Pipwolf di accompagnarlo li a Topolinia nel negozio di Pupetz.

La sera i due , giunti al negozio, trovano le saracinesche aperte ed entrano ma dentro ad attenderli ce il signor Pupetz che domanda loro cosa sono venuti a fare oltre l'orario di apertura. Topolino inventa una scusa fingendo di cercare un regalo dell'ultimo minuto per i nipotini e il proprietario li porta all'interno del negozio dove racconta che tutti i giocattoli li presenti sono fatti a mano da lui e dona a Topolino due tenerissimi pagliacci. Nel viaggio di ritorno i pagliacci prendono vita e per cercare di liberarsene Pipwolf consiglia a Topolino che sta guidando di andare contro quel cartellone che vede che non è altro che un varco verso il mondo dell'impossibile. Il varco li conduce fino alla villa di Manny dove ad attenderli ce Flat, il maggiordomo della villa, che su richiesta di Topolino dice di non sapere dove si trova Manny.

Nella villa Topolino nota parecchi articoli di giornali su malvagi giocattoli raccolti dall'amica inoltre Flat mostra ai due ospiti la sua collezione di peluche. Flat racconta che un tempo i giocattoli del signor Pupetz erano famosi ovunque sia nel mondo di Topolino che nel mondo dell'impossibile e che riusciva a rendere vive le proprie creazioni finchè non spari misteriosamente. Piu tardi Pipwolf e Topolino si recano nella villa di Pupetz , nel mondo dell'impossibile, dove trovano il giocattolaio e le sue creature pronti ad attenderli.

Il giocattolaio li rinchiude nella sua fabbrica dove tiene anche altri giocattoli non creati da lui e rivela che sono stati quei giocattoli a crearlo quando il giocattolaio vero spari e che per soddisfare le numerose richieste che continuavano ad arrivare i giocattoli da lui costruiti crearono un altro giocattolaio in attesa del ritorno di quello vero. Dopo aver svelato il suo piano di invadere la terra coi suoi perfidi giocattoli il giocattolaio se ne va.

Grazie ai giocattoli buoni Topolino e Pipwolf riescono ad evadere dalla fabbrica usando un tunnel che i giocattoli scavavano da tempo per liberarsi dalla prigionia e raggiungere le poste dell'impossibile dove Pupetz si sta per fare spedire. Li Pipwolf gli spiega il lavoro di Snuffo il postino, che controlla che nei pacchi non vi siano esseri viventi per poi chiuderli e timbrarli e lanciarli nel varco postale. Pipwolf chiede aiuto al suo amico Igor, il postino invisibile, per raggiugere il magazzino di smistamento dove vengono tenuti i pacchi e nel quale all'interno di uno dei tanti si trovano Pupetz e i suoi giocattoli malvagi pronti ad essere spediti.

Per farli uscire allo scoperto Pipwolf usa la sua abilità nell'imitare le voci ma è troppo emozionato e non riesce a fermali ma fortunatamente giunge in tempo Manny col vero Pupetz che riesce a fermare le sue creature. Manny racconta che ha usato i suoi poteri medianici per rintracciarlo nel bosco dei cento scomparsi nel quale si era perso. Intanto, dopo essersi nascosto, il falso Pupetz afferra Topolino ma viene bloccato da Snuffo che con un tentacolo lo afferra , lo impacchetta e lo spedisce dentro il varco postale facendolo finire in un altra dimensione. Il vero giocattolaio ritorna invece a casa con tutti i suoi balocchi promettendo di riconvertire i giocattoli malvagi in giocattoli buoni.

Pubblicazioni

La storia è stata pubblicata in Italia, Francia, Svezia e Norvegia

Storia precedente Il giocattolaio Storia successiva
I racconti dei libri predatori - Tempo ben speso

Tempo ben speso

1 Luglio 2003 Ehi, ci sono anch'io

Ehi ci sono anche io


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.