FANDOM




Il cubo di Paperubik
Il cubo di Paperubik
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 1800-AP
Sceneggiatura:Fabio Michelini
Disegni:Giuseppe Dalla Santa
Prima uscita:27 maggio 1990
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:36
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



Il cubo di Paperubik è il primo episodio della serie Le sette meraviglie dei paperi di Fabio Michelini e Giuseppe Dalla Santa, pubblicato nel numero 1800 di Topolino.

I personaggi della storia narrata da PaperoneModifica

TramaModifica

Paperino sta tornando a casa dopo aver fatto la spesa, ma casca in una grossa nel buca nel giardino. I responsabili sono Qui, Quo, Qua che hanno scavato buche simili in tutto il giardino giocando agli svaci archeologici. Lo zio Paperino si arrabbia molto per la pericolosità del gioco e deve buttare parte della spesa andata distrutta. I nipotini negano che ci sia un pericolo, ma anche Zio Paperone casca in una delle buche. Quando Qui, Quo e Qua gli spiegano che vogliono emulare gli archeologi che hanno scoperto le 7 meraviglie del mondo, Paperone ride e spiega loro che sono esistite 7 opere ben più straordinarie...le 7 meraviglie dei paperi. Nessuno le conosce perchè sono andate distrutte e solo lui possiede i documenti antichi che narrano la loro storia. Paperone accetta di raccontarle a patto di scroccare un pranzo, cosa di cui Paperino non è molto contento. Ma alla fine si siedono a tavola e Paperone comincia la prima storia.

Nell'Antico Egitto di 5000 anni Papersete (e fame) sta passeggiando di notte coi nipotini preoccupati di incontrare i predoni. I 4 si imbattono in uno di loro, ma in realtà si tratta del ricco Zio Paperkamen travestito. Riunitosi a casa di Papersete, Paperkamen spiega che è dovuto uscire di casa (mascherato da ladrone per evitare di attirare quelli veri) perchè la sue ricchezze ormai occupano così tanto spazio a casa da non essercene più per lui. Papersete è costretto ad ospitarlo (causa papiro dei debiti). Mentre lo zio prepara l'incontro con gli architetti per realizzare il nuovo palazzo dove spostare i suoi tesori.

Il mattino dopo, Paperkamen esamina le proposte nella sala esterna ed è interessato al progetto della piramide che comprende anche una stanza segreta per le sue ricchezze. Si presenta però Pico De' Paperubik (che essendo laureato in futurologia fa spesso dei riferimenti anacronistici per l'epoca) con un progetto diverso ovvero realizzare un enorma cubo che avrà più spazio e sarà inespugnabile. Gli mostra un piccolo modellino (identico ad un moderno cubo di Rubik) spiegando che solo la combinazione giusta di ogni cella aprirà la strada ai tesori. Paperkamen (divertito dal modellino come fosse un un giocattolo) sceglie così di realizzare il cubo. Pico illustra il progetto: il cubo sarà formato da 27 più piccoli e quello al centro conterrà un meccanismo (comandato all'esterno con un sistema di leve ed ingranaggi) che le farà muovere finchè non sarà trovata la giusta combinazione che sbloccherà la cella segreta.

Papersete ed i nipotini sono costretti a lavorare alla costruzione del cubo di Paperubik che alla fine viene completato. Per muoverlo ci sono delle leve esterne che Paperkamen si diverte ad usare. Ma quando chiede di entrare nella cella segreta, si scopre che Papersete ha perso il papiro con la combinazione dimenticandolo proprio dentro al Cubo. E così Papersete viene costretto a smontare l'edificio (che visse solo un giorno) per poi scappare mentre lo zio era distratto dall'avere ritrovato i suoi tesori.

Paperone conclude così la storia dando appuntamento alla prossima settimana per la successiva.

Tratti storici Modifica

La prima delle 7 meraviglie del mondo antico è la Piramide di Cheope, conosciuta anche come Grande Piramide di Giza. È la più antica delle sette meraviglie ed è l'unica ad essere ancora in piedi. Nella storia disneyana, il personaggio interpretato da Paperone scarta inizialmente l'idea della piramide affascinato di più dall'idea del cubo.

Storia precedente Il cubo di Paperubik Storia successiva
- 27 maggio 1990 I giardini pensili di Paperlonia

I giardini pensili di Paperlonia

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.