FANDOM



I custodi della memoria
Custodi della memoria
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3017-1P
Sceneggiatura:Matteo Venerus
Disegni:Alessandro Perina
Prima uscita:1 ottobre 2013

Topolino 3018

La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:30
Lingua originale:Italiano
Casa editrice:Walt Disney Italia



I custodi della memoria è una storia scritta da Matteo Venerus e disegnata da Alessandro Perina, pubblicata per la prima volta l'1 ottobre 2013 su Topolino 3018. Si tratta del secondo episodio della sesta saga chiamata Wizards of Mickey VI - Legacy, della serie fantasy Disney Wizards of Mickey.

TramaModifica

Sono giorni di pace grazie alle gesta compiute dai Wizards of Mickey, ma i sinistri progetti magici di un nemico sconfitto e imprigionato suggeriscono di non abbassare la guardia. Il team Sventura sta progettando nuovi modi per terrorizzare la contea di Solfotorbiera attraverso l'uso di fantocci dalle sembianze dei Bworg, di cui i contadini della contea sono terrorizzati, sperando di farsi un bel bottino una volta che si sarà sbarazzato di loro. Gli ingredienti per la pozione magica sono però finiti a causa degli esperimenti di Neraja per ritrasformare il suo amato Fenris in umano, e di Garma che cerca di tornare bella come un tempo. Le due streghe, che non hanno voglia di andare nella palude a fare rifornimento, spingono Amelia ad andare alla palude esasperandola e cercando di farla sentire in colpa per non avergli svelato mai nulla del suo passato. Lì Amelia entra in contatto con una creatura simile a un Bworg, in realtà un semplice guardiano, che le svela che era in sua attesa per farla emergere dall'ombra donandole il potere dei custodi della memoria.

Il giorno seguente al Castello dello Stregone Supremo Il Team Luna Diamante assieme a Nereus, Archimede, Edi e Pico de Paperis stanno catalogando montagne di libri mentre Topolino e Pippo tentano di svegliare Paperino che preferisce poltrire, finché non sarà costretto ad alzarsi di soprassalto dopo l'arrivo chiassoso di Fafnir e Kiki che, come al solito, s'inseguono per tutto il castello. Al castello sopraggiungono anche Turbo,che porta cattive notizie provenienti dalla contea della Solfotorbiera, e Fenris, il lupo di Neraja, con una richiesta d'aiuto da parte di Garma e Neraja per le streghe del Team Luna Diamante. Prima di partire, Paperina spiega ai Wizards of Mickey che si tratta di un'emergenza causata da Amelia, la quale sta conducendo un terribile sortilegio nelle pozze fetide delle Solfotorbiere, e che della questione si possono occupare solo loro poiché il tutto richiede un po' di tatto femminile.

I Wizards of Mickey decidono però di andare lo stesso anche loro e, raggiunta la contea, vicino a una pozza vengono attaccati da tre Bworg. Durante la battaglia si accorgono che anche i loro avversari riescono a padroneggiare l'uso dei Doomspider. Ad un tratto dalle strane creature fangose fuoriescono le ragazze del Luna Diamante e, dopo un attimo di smarrimento, i tre capiscono che i team si vedevano reciprocamente come Bworg da battere. Amelia svela loro che erano vittime delle sue illusioni favorite dalle loro continue discordie e che la magia è stata spezzata solo grazie ai dubbi di Clarabella. Rivela inoltre che il suo piano sta per concludersi una volta che si sarà vendicata dei Claxani, il popolo che abita la contea, che l'hanno sempre snobbata e dimenticata. Amelia decide quindi di raccontare di più del suo passato e di quello che è accaduto il giorno prima.

Quando la malvagia Amelia decise di cambiare aria a causa del suo scarso apprezzamento tra la gente, che non la riteneva utile al villaggio, credette aver trovato un amico in Jasper, il quale le ispirò l'idea di diventare una brava strega per poter proteggere il villaggio dai Bworg. La ragazza riprese a nutrire fiducia in se stessa, convinta che Jasper la sostenesse. Jasper però sparì misteriosamente dalla sua vita, facendo crollare le sue speranze. Molto arrabbiata, Amelia decise di non iscriversi più l'accademia di stregoneria e di apprendere la magia oscura da sola. Nella sua nuova caverna Amelia studiò l'uso della magia attraverso gli oggetti, apprendendo che alcuni di loro si legano tanto al loro possessore da assorbirne la personalità e ricordarlo, e che questi sono chiamati custodi della memoria. Amelia pensò di estrarre ricchezza dagli oggetti di Paperone con un potente sortilegio, ma dopo i numerosi fallimenti ripiegò in un apprendistato nel team Sventura. Il giorno in cui Amelia è stata mandata nella palude dalle sue colleghe alla ricerca di ingredienti magici per fare rifornimento, trova uno scrigno contenente gli oggetti del malvagio Macchia Nera che racchiudono il suo potere oscuro. Decide così, grazie ai nuovi poteri, di puntare al domino totale.

Finito il racconto, Amelia scaglia il suo potente incantesimo che imprigiona in una sfera di cristallo i Wizards of Mickey e le Luna Diamante e crea un esercito di Bworg per terrorizzare la popolazione. Mentre è prigioniera, Minni rivela ad Amelia che il suo compito era quello di tenerla impegnata aspettando che Neraja e Garma cercassero qualcuno in grado di farle cambiare idea. Le due streghe ritrovano Jasper che racconta ad Amelia di non essere andato più a trovarla a causa di alcuni inconvenienti dovute alle sue invenzioni e facendole cambiare idea. Contenta e pentita, Amelia prova a spezzare il sortilegio. Ma i Bworg, che non sono illusioni come lei crede, vengono fermati dalla magia congiunta dei Wizards of Mickey e delle Luna Diamante, che riporta la tranquillità nel villaggio. Amelia si domanda come facesse il guardiano che le ha donato lo scrigno a conoscerla, Topolino pensa a quali trame abbia lasciato ancora in sospeso il Signore degli Inganni, sapendo però che, nonostante le piccole discordie, quando si presenteranno le prime difficoltà, ci saranno sempre gli amici ad aiutarlo.

RistampeModifica

Storia precedente I custodi della memoria Storia successiva
L'armata della notte

Armata della notte

1 ottobre 2013 Il vessillo ancestrale

Il vessillo ancestrale


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.