FANDOM


  • Giorni di un passato presente
  • Commenti


Giorni di un passato presente
Pk - pikappa 04
Copertina
Informazioni generali storia lunga
Codice Inducks:I PK3 4-2
Soggetto:Gianfranco Cordara
Sceneggiatura:Stefano Ambrosio
Disegni:Stefano Intini
Prima uscita:1 Novembre 2002
Casa editrice:Walt Disney Italia
Lingua:Italiano
Pagine:48
Personaggi storia lunga
Personaggi principali:
Nuovi personaggi introdotti:
Storia breve
Titolo:Allarme
Codice Inducks:I PK3 4-1
Sceneggiatura:Gianfranco Cordara
Disegni:Giovanni Rigano
Protagonista:


"Vendor, tu vaneggi. – No, io sogno e non sono l’unico a credere in questo sogno."
Pk e Vulnus Vendor.

Giorni di un passato presente è un episodio della serie PK - Pikappa, scritto da Stefano Ambriosio, disegnato da Stefano Intini e apparso per la prima volta nel novembre 2002, sul numero 4 della rivista omonima; da notare che la copertina dell’albo è, eccezionalmente, dedicata alla storia breve, Allarme. Giorni di un passato presente vede la prima apparizione dello scienziato pazzo Vulnus Vendor, destinato a diventare un antagonista fisso e il più significativo tra i personaggi creati espressamente per la terza serie.

Storia breve - Allarme Modifica

(Scritto da Gianfranco Cordara, disegnato da Giovanni Rigano)

In una sola notte, PK deve combattere contro Kronin (venuto a rubare la statua di Cornelius Coot), gli evroniani, alcuni criminali comuni e un mostro venuto dallo spazio; il lavoro peggiore, però è la stesura dei rapporti per Uno.

La storia era apparsa in anteprima sul sito del Corriere della sera. L’esigenza di sfruttare il traino pubblicitario spiega perché le venga dato tanto rilievo, dedicandole la copertina e l’apertura dell’albo; e perchè sia stata pubblicata prima ancora dell’apparizione ufficiale di Kronin, anche se il personaggio vi appare già ben noto a PK.

Giorni di un passato presente[1] Modifica

Lyla, preoccupata per la misteriosa scomparsa di Lyonard D’Aq, chiede aiuto a PK. L’eroe riesce a togliere dai guai l’eccentrico meccanico, che aveva cercato di penetrare nella sede della Duckville Chemicals.

Lyonard spiega le ragioni del suo comportamento. Decenni prima, il  supereroe Destroyer Duck, di cui Lyonard era l’aiutante, aveva dovuto combattere contro Vulnus Vendor, uno scienziato pazzo, mosso da un odio patologico per la ricchezza. Vulnus, che aveva il suo laboratorio negli attuali sotterranei della Chemicals, aveva creato un mostro, l'aggregato molecolare polimorfo, che si nutriva d’oro; ma Destroyer Duck lo aveva sconfitto e assicurato alla giustizia. Ora, però, Lyonard è sicuro che Vulnus stia per tornare in azione.

E, in effetti, giunge la notizia che un mostro, simile a quello creato da Vulnus, sta attaccando la National Bank e divorando l’oro in essa contenuto. Quando PK interviene, il mostro fugge nelle fogne, dopo aver semidistrutto la Pi-kar.

Tuttavia Vulnus Vendor  risulta essere in isolamento nel carcere di Cagerock e PK se ne accerta di persona, entrando clandestinamente nella prigione ed avendo un colloquio col fanatico scienziato. Chi, materialmente, ha creato e comanda l'aggregato molecolare polimorfo, è Boomer Kincaid, l’ex compagno di cella di Vulnus, da lui plagiato e convertito alle sue idee. PK cattura e consegna alla polizia Boomer, ma il mostro, ormai fuori controllo, si dirige verso la più grande riserva d’oro esistente, il deposito di Paperone. Pk riesce però, in extremis, a strappargli il generatore interno di energia e a ridurlo a una massa amorfa. Come premio per l’eroe, Uno trasformerà la sua scassata 313 in un’automobile superaccessoriata.

Curiosità Modifica

Il regalo finale di Uno appare tanto più generoso, visto che nel giro di due mesi, PK ha già perduto due Pikar, una rimasta nell’universo parallelo di Paperopolis (Un mondo perfetto), l’altra gravemente danneggiata nello scontro con il mostro.

Pubblicazioni italianeModifica

Storia principaleModifica

Storia secondariaModifica

Note Modifica

  1. Il titolo arieggia quello di una delle più famose saghe degli X-Men, Giorni di un futuro passato.



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.