FANDOM




Archimede

Archimede il personaggio più famoso della famiglia Pitagorico

La famiglia Pitagorico (Gearloose, in originale) è un ramo della grande famiglia dei Paperi.

Il più importante membro della famiglia è certamente Archimede Pitagorico, inventato da Carl Barks con la storia Paperino e l'amuleto del cugino Gastone pubblicata nel 1952. Successivamente i due autori che hanno ampliato maggiormente l'albero genealogico della famiglia sono stati Don Rosa e Marco Gervasio

StoriaModifica

Le origini della famiglia Pitagorico sono confuse e frammentarie poiché nessun autore le ha mai approfondite. Sembra che il suo più antico rappresentante noto sia Arkimedes Pitagorikon, genio dell'Antico Egitto, di origini siracusane, discendente nientemeno che dal celebre Pitagora. Probabilmente è vissuto intorno al I secolo a.C.

Nel Medioevo si hanno notizie dell'alchimista Archimede, collaboratore del re Papero Magno; dello scozzese McArchimed Pitagorikon, che costruì con netto anticipo sulle tecnologie dell'epoca un marchingegno meccanico, scambiato dai contemporanei per un animale mostruoso (da cui la nota leggenda del mostro di Loch Ness); e del poeta, scrittore e cantante, oltre che inventore, Archimedio, compagno di avventure di Paperleone.

Abbiamo anche un lontano discendente di Archimede nel futuro, agli inizi del XXXI secolo, ossia Archimodo Pitagorico.[1] Precisamente il suo pro-pro-pronipote.

Dopo diversi anni in cui le notizie riguardo questa famiglia non sono state approfondite dagli autori disneyani, Marco Gervasio nella sua saga Le Strabilianti Imprese di Fantomius ladro gentiluomo, approfondisce la storia della famiglia. Nel 1825 il giovane inventore Leonardo Pitagorico aprì a San Francisco (California) un laboratorio di progettazione macchinari a vapore e alcuni anni più tardi sposò la pittrice francese Elisabeth Leduck, da cui nel 1844 nacquero i due gemelli Copernico e Cartesio[2].

Pitagorico

Albero genealogico della famiglia Pitagorico disegnato da Marco Gervasio

Fu nel 1850, con l'annessione della California agli Stati Uniti, che la Famiglia pitagorico si trasferì a Paperopoli. Copernico e Cartesio inizialmente legati da una forte amicizia, presero strade diverse. Copernico divenne aiutante e intimo amico di Fantomius, mentre Cartesio cercò in ogni modo di screditare il ladro mascherato diventando aiutante del misterioso ed eclettico Spokius Spectrus[2].

Copernico conobbe John Quackett nel 1910[3] in età molto avanzata, collaborando con lui sino agli anni venti dello stesso secolo. Nel 1863 Copernico ebbe un figlio di nome Cacciavite. Quest'ultimo fece la conoscenza di Paperon de' Paperoni nel 1880, con cui visse sorprendenti avventure sul Mississippi e sull'isola di Java[4][5].

Cacciavite ebbe due figli, Euclide e Fulton Pitagorico, che fu una una delle prime Giovani Marmotte nel 1902. Fulton visse a Paperopoli creando una piccola azienda a conduzione familiare, che poi cedette a suo figlio Archimede quando si ritirò dall'attività lavorativa.

CaratteristicheModifica

Tutti i membri hanno l'aspetto di gallinacei antropomorfi molti alti con la particolarità di non avere zampe da uccelli, ma antropomorfe[6]. Caratteristicamente hanno una zazzera di capelli spettinata e portano quasi tutti gli occhiali.

Hanno tutti svolto la professione di inventori o scienziati. Per onorare questa tradizione di famiglia sono stati tutti chiamati con nomi di uomini che si distinsero particolarmente nell'ambito della scienza.

Membri della famigliaModifica

Di seguito sono elencati in ordine cronologico membri della famiglia Pitagorico.

Copernico pitagorico

Copernico l'aiutante di Fantomius

NoteModifica

  1. Vedi "Paperino eroe del futuro" su Topolino 3037, dell'11 febbraio 2014
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 [1] Definitive Collection #9 pagg 6-9
  3. Vedi Il nobile dietro la maschera, 2015
  4. Vedi Il signore del Mississippi, Don Rosa
  5. Vedi Il capitano cow-boy del Cutty Sark, Don Rosa
  6. [2] Topolino Story #9 pag 190, Approfondimento su Archimede Pitagorico
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.