FANDOM




Reboot
Topo3215

Codice Inducks:I TL 3215-1
Scritta da:Fausto Vitaliano
Disegnata da:Andrea Freccero
Personaggi:
Pubblicata su:Topolino 3215-3217
Prima pubblicazione:5 - 19 luglio 2017


Reboot è la ventottesima storia della Saga di DoubleDuck, scritta da Fausto Vitaliano e disegnata da Andrea Freccero. È stata pubblicata in tre episodi su Topolino 3215-3217 dal 5 al 19 luglio 2017.

TramaModifica

I episodioModifica

Mentre Paperino e Paperina hanno una discussione, questi riceve una chiamata da Head H e con una scusa fa uscire la fidanzata fuori da casa per poi recarsi all'appuntamento. Appuntamento che non è in Agenzia perché, come spiega il direttore, è stata sciolta poiché ritenuta ormai troppo costosa dai loro finanziatori. Head H mostra così a Paperino quello che rimane dei locali ormai abbandonati. In un caffè, l'ex-direttore spiega che l'Agenzia verrà sostituita da una nuova organizzazione chiamata la Direzione che è composta da un gruppo di burocrati convinti di poter combattere i cattivi stando seduti in poltrona. Il capo è Wyle Y, un passacarte senza esperienza, i cui metodi sono assurdi (come mandare e-mail di diffida a trafficanti d'armi) e, peggio ancora, ha avuto la folle idea di rintracciare tutti gli agenti (incluso DoubleDuck) e rendere pubbliche le loro identità per questioni di "trasparenza". Head-H vuole quindi avvertire Paperino del pericolo mentre lui stesso si sottoporrà al Total Reset Button. Prima di andarsene, Paperino viene a sapere che Kay K è sparita.

Il giorno dopo, Paperino è convocato dallo Zio Paperone per un incarico. Mentre si prepara nel suo bagno, appare improvvisamente Kay K alle sue spalle. La ragazza gli dice che, a causa del suo passato e delle politiche della Direzione, non potrà più far parte di nessun gruppo ed ha deciso di chiudere. Prima di andarsene consegna un "regalo" a Paperino: la foto di un treno fantasma che trasporta un carico segreto e pericoloso, che deve essere fermato prima che arrivi al confine e stavolta DoubleDuck dovrà cavarsela da solo. Dopo essersi sbarazzato di Paperina di nuovo, Paperino si reca dallo zio che gli spiega che per 2 giorni dovrà fare da autista alla ricca e giovane baronessa Van Der Werdern con cui Paperone concludere un affare. Dopo averla accompagnata in giro per la città a fare acquisti costosi, Paperino torna stanco a casa dove trova ad attenderlo un incaricato dalla Direzione che sta cercando DoubleDuck. Fortunatamente il fattorino non è molto sveglio e Paperino ha gioco facile a fargli credere che ci deve essere stato un errore facendosi anche rivelare informazioni sul treno fantasma.

DoubleDuck riesce a rintracciare il treno, che è guidato via satellite, sfruttando la stazione televisiva che aveva visitato in giornata con la baronessa. La mattina dopo raggiunge il treno con l'elicottero acquistato dalla baronessa ed entra all'interno dopo aver inserito il pilota automatico. Viene attaccato da diversi agenti nemici, ma, dopo averli attirati nella parte superiore del treno, riesce a sbarazzarsi di loro separando i vagoni mentre l'ultimo viene colpito dall'entrata della galleria. DoubleDuck porta il treno su un binario morto per poi scappare prima dell'arrivo della polizia. Al Deposito, Paperone è infuriato per i danni all'elicottero della baronessa (pagato da lui), ma il vero shock lo riceve quando si scopre dal giornale che in realtà la baronessa è solo una pazza mitomane che viene poi consegnata alla polizia.

Tornato a casa, Paperino trova di nuovo la fidanzata ad aspettarlo. Paperina vuole fare pace, ma si arrabbia di nuovo quando Paperino riceve una telefonata da una donna. Si tratta di Liz Zago che gli comunica che l'Agenzia riprenderà la sue attività di nascosto dalla Direzione e si complimenta per la vicenda del treno. Purtroppo però c'è anche una brutta notizia: Kay-K è ritornata alla sua vecchia identità di Red Primerose usando le informazioni in suo possesso per delle attività illegali.

II episodioModifica

Contattato da Liz Zago, Paperino si reca alla sede della nuova Agenzia clandestina nascosta in un parrucchiere per signore. Liz gli presenta Qwerty, il nuovo responsabile di laboratorio che sostituirà Gizmo, che gli consegna uno scrambler elettronico. La nuova missione di DoubleDuck sarà penetrare alla sede della Direzione ed usarlo nel computer principale per criptare tutti i dati relativi agli agenti non ancora individuati, lui incluso.

Scoperta che la Direzione si serve del servizio di catering di Paperone, Paperino chiede allo zio di essere assunto dovendo sobbarcarsi però le spese. Assunto, Paperino incontra Gastone che si vanta di essere più popolare di lui sui social (ha creato due pagine di fan per entrambi) e successivamente trova Head-H che sembra effettivamente aver dimenticato la sua identità come conseguenza del Total Reset. DoubleDuck riesce così ad entrare alla Direzione in veste di porta panini, ma non trova il momento giusto per usare lo scrambler ed è costretto a rimandare. Tuttavia ha il tempo di leggere il profilo di Kay K e riuscire a contattarla al telefono. L'ex-compagna però insiste a dire che ormai le loro strade sono separate e, per convincerlo, racconta la storia della rana e dello scorpione con la morale che si può fingere, ma alla fine non si può sfuggire alla propria natura. Kay infatti sta progettando di rubare un meteorite di gran valore al museo.

Con un scusa, DoubleDuck riesce a rientrare nella Direzione verso sera e, con meno personale in giro, ha il tempo di usare lo scrambler con successo. Tuttavia si presentano due agenti che hanno ricevuto una soffiata su un intruso e DoubleDuck fa appena in tempo a nascondersi. Il papero sospetta che Kay sia la responsabile e la rintraccia al suo covo grazie ad un dispositivo di localizzazione fornito da Qwerty. Kay si dichiara innocente; infatti si scopre che il vero colpevole è Head-H che sopraggiunge poco dopo. L'ex-direttore, che ha solo finto di farsi cancellare la memoria, spiega che la Direzione gli ha offerto di continuare la sua vita in cambio della sua collaborazione ed alla fine ha accettato perché è nella loro natura di agenti segreti. Ma DoubleDuck non è d'accordo e lo disarma alla maniera di Paperino.

All'Agenzia, Head-H viene sottoposto sul serio al Total Reset perdendo le sue memorie. Ma DoubleDuck ha un ultima missione; infatti ha scoperto i piani di Kay ed affronta l'ex-compagna al museo. Kay è sicura che lui non arresterà mai qualcuno a cui vuole bene, ma DoubleDuck (sebbene molto a malincuore) la ammanetta fingendo di stringerle la mano poiché anche lui non può tradire la sua natura. Tornato a casa e guardando la pagina creata da Gastone, Paperino riflette sulla sua doppia vita e come reagirebbero i suoi parenti scoprendo il suo lavoro di agente segreto. Alla fine giunge a conclusione che non importa che identità si usi, ma riconoscersi sempre ogni volta che ci si guarda allo specchio e prima di tutto lui è Paperino.

III episodioModifica

Paperino va a trovare Kay K in prigione. L'ex-compagna non è molto felice di rivederlo ed all'improvviso compaiono degli sconosciuti che la liberano ed attaccano il papero. Ma tutto questo si rivela essere solo un incubo dettato dai sensi di colpa di Paperino che viene svegliato dallo Zio Paperone che lo ha assunto per un incarico di guardiano. Paperino viene anche contattato da Liz nella nuova sede di fortuna dell'Agenzia ovvero dentro ad un vecchio furgoncino guidato da Qwerty.

Liz gli comunica la sua nuova missione. I sovrani del piccolo arcipelago di Konàtu-Quisìtu saranno in visita a Paperopoli con tutti i loro familiari e, dato che l'arcipelago ha un'importante posizione strategica, l'Organizzazione (quello che ne rimane dopo gli eventi di Timecrime) vuole fare un colpo di stato partendo dal rapimento collettivo della famiglia reale. Dato l'inettitudine della Direzione (ancora intenta a cercare l'identità di DoubleDuck), spetta a DoubleDuck intervenire per sventare il piano. Data la scarsità di mezzi, Qwerty può solo dargli un avvitatore per avvitare e svitare. Paperino viene anche a sapere dell'esistenza di un nuovo gruppo criminale chiamato Actinia di cui non si conosce né se ha un capo od una sede tanto da sembrare solo una leggenda messa in rete.

Per avere informazioni sui piani dell'Organizzazione, Paperino si reca in prigione per chiedere la collaborazione della sua ex-compagna Kay K. Ma la ragazza vuole in cambio la sua scarcerazione e la fedina ripulita, una richiesta che non può essere accettata. Di ritorno a casa, Paperino incontra Zio Paperone che gli mostra quale sarà il suo lavoro: fare da guardiano notturno ad un grosso blocco di marmo che dovrà essere usato per farne una statua. Paperino è preoccupato perché il lavoro gli impedirà di svolgere il suo compito di agente. Ma si presenta poco dopo Jeff, il guardiano diurno, che si offre di coprirlo.

Nei panni di DoubleDuck, il papero può così infiltrarsi al ricevimento senza problemi. Lì incontra i suoi vecchi colleghi B Black e B Berry che hanno smesso il lavoro di agenti per fare da semplici addetti alla sicurezza. I due capiscono che DoubleDuck è in missione e si offrono di collaborare. DD nota così due operai sospetti che stanno mettendo dei ganci sul gazebo e capisce che il piano consiste nel rapire i reali tramite l'elicottero che aggancerà il gazebo quando li ospiterà. Mentre B-Black e B-Berry si occupano degli operai che sono uomini dell'Organizzazione, DoudleDuck utilizza l'avvitatore per sabotare i ganci e l'elicottero precipita. Il papero si dilegua mentre i reali si congratulano con i due ex-agenti.

Il giorno dopo Paperino constata come la Direzione si è presa il merito e racconta a Liz che suo zio si è infuriato più che mai perché ha lasciato il suo posto di lavoro. Infatti non esisteva nessun guardiano diurno e Jeff era un membro dell'Actinia che hanno aiutato DoubleDuck perché volevano sbarazzarsi della "concorrenza". Liz ha una notizia buona ed una cattiva. La buona è che hanno trovato un misterioso e generoso finanziatore per l'Agenzia. La cattiva è che Kay K è evasa. Vediamo che a farla evadere sono stati i membri dell'Actinia (i quali sono tutti vestiti uguali, si chiamano per numero e sembra non abbiano capi) i quali offrono alla ragazza ciò che vuole in cambio delle sue informazioni.

AnalisiModifica

Come si evince dal titolo, la storia è un rilancio della serie di Double Duck. Lo status quo subisce un grosso scossone con l'Agenzia come la conoscevamo che viene azzerata e costretta a ripartire da zero ed in clandestinità con la sola Liz Zago a gestirla. Agenzia che viene sostituita da un gruppo come la Direzione ritratto come una manica di inetti che dai toni sembra più uscita dalla serie sulla P.I.A.; una critica (forse) ai problemi con la burocrazia e l'ossessione per la trasparenza dei nostri tempi. Mentre lo status di alcuni personaggi come Jay J e Gizmo è ancora indefinito, assistiamo al tradimento di Head-H e sopratutto al ritorno alla vita criminale di Kay-K nei panni di Red Primrose. La ragazza era ormai la compagna ufficiale di avventure di DoubleDuck e questo evento sconvolge i rapporti tra i due al punto che Paperino deve mettere da parte i suoi sentimenti per fare il suo dovere. Ma l'intento principale della storia è rimettere al centro il personaggio di Paperino. La sua identità civile, nelle precedenti storie, era finita per diventare qualcosa di secondario nella vita di DoubleDuck ed in questa storia viene ribadito che prima di ogni identità segreta, lui rimarrà sempre Paperino e sempre fedele al suo stile.

ErroriModifica

Nella prima parte, Paperino dice di non essere mai stato pagato per il suo lavoro come DoubleDuck. Tuttavia questo contraddice il primo episodio della serie dove nel filmato in cui parlava della sua "missione di tre giorni", Paperino dichiarava di aver ricevuto un compenso al netto delle tasse.

Pubblicazioni italianeModifica


Storia precedente Reboot Storia successiva
Timecrime

Topo3153

5 - 19 luglio 2017 Nemici come prima

Topolino 3260

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.