FANDOM




Come un gioco
Topo3114

Codice Inducks:I TL 3114-1
Scritta da:Vito Stabile
Disegnata da:Emilio Urbano
Personaggi:
Pubblicata su:Topolino 3114
Prima pubblicazione:29 luglio 2015


Come un gioco è la ventiseiesima storia della Saga di DoubleDuck. L'avventura, scritta da Vito Stabile e disegnata da Emilio Urbano, sarà pubblicata su Topolino 3114[1] il 29 luglio 2015.

TramaModifica

DoubleDuck e Kay K sono convocati da Head H per un importante missione. Alcuni uomini senza scrupoli dell'Organizzazione sono stati intercettati a parlare di una valigetta scoperta in un parco che sembra contenere informazioni proprio su DoubleDuck ed il loro compito è recuperarla. Al parco, vedendolo troppo sicuro di sé, Kay commenta che ultimamente il papero sta prendendo troppo alla leggera il lavoro di spia. I due trovano la valigetta, ma si rivela essere tutta una trappola dell'Organizzazione per attirare allo scoperto DoubleDuck. Due uomini del gruppo criminale costringono il papero ad indossare un orologio che ha un sistema che si collega direttamente al sistema nervoso di chi lo indossa scaricando le informazioni che possiede in un computer remoto. Come DoubleDuck scopre sulle sue piume, se si prova a toglierlo si prende una scossa. Kay approfitta di un attimo di distrazione dei due agenti per attaccarli e scappare con DoubleDuck.

Purtroppo Kay gli spiega che l'Agenzia invece di aiutarlo potrebbe decide di chiudergli il becco per sempre per paura che l'Organizzazione scopre i loro segreti. Perciò l'unica cosa da fare è trovare chi ha inventato quell'orologio. Si recano così da Charlie, un conoscente di Kay (che però conosce col nome di Julia) che è un esperto di elettronica. L'orologio si scopre essere stato fatto a Tokyo dalla ditta Tecnoko. Per andare in Giappone, Kay inventa una scusa con Head H in modo da poter usare un jet dell'Agenzia. Mentre sono in viaggio DoubleDuck constata che la collega aveva ragione e la sua avventatezza l'ha ora messo in pericolo; Kay cerca quindi di consolarlo.

Arrivati a Tokyo (con il dowload dei dati all'80%), DoubleDuck decide di andare da solo per non mettere Kay in pericolo e raggiunge il piano superiore della Tecnoko. Lì incontra il capo dell'azienda, Hiroshi Yut Aka, spiegandogli che c'è un criminale tra i suoi dipendenti che ha creato una versione modificata del loro orologio. Viene quindi chiamato il nuovo direttore del dipartimento apposito che si scopre essere Charlie; lui e Hiroshi sono in combutta e DoubleDuck viene addormentato con un sonnifero. Si risveglia nel livello sotterraneo dell'edificio dove i due criminali controllano l'andamento dei dati ormai scaricati al 92%. Charlie racconta come tempo prima Hiroshi l'aveva licenziato per spionaggio industriale e, tornato a Paperopoli, era stato contattato dall'Organizzazione che gli aveva commissionato il "lavoro". Tuttavia, vedendo le potenzialità della sua invenzione, aveva indirizzato DoubleDuck dal suo ex-capo (contattandolo e poi nascondendosi nel loro jet) per farsi riassumere mostrandogli le potenzialità del suo lavoro. I due progettano di usare quella tecnologia per i loro scopi, anche a scapito della stessa Organizzazione.

Come DoubleDuck fa subito notare, anche quest'ultima parte ora farà parte dei dati scaricati negli archivi del gruppo criminale che sicuramente si vendicherà. Hiroshi tenta allora di sparargli per fermare il download, ma interviene Kay K che costringe Charlie a rivelare come disattivare l'orologio. Usando una pistola congelante, l'orologio viene congelato ed il download fallisce mentre Charlie ed Hiroshi vengono arrestati da Kay. Nel volo di ritorno, la ragazza spiega di aver visto Charlie alla Tecnoko e si era infiltrata per poi ascoltare la conversazione grazie ai trasmettitori che collegavano lei e DD. Kay racconta anche che lei, con la falsa identità di Julia, e Charlie erano stati fidanzati per breve tempo, ma lui non si fidava ed aveva ragione dato che lo stava manipolando. Grazie alla sua amicizia con Paperino, ora però la ragazza si sente una persona migliore.

Dopo aver raccontato a Head H di aver sventato una trappola senza scendere nei dettagli, Paperino si reca a Quack Town da Nonna Papera per leggere i vecchi fumetti che disegnava immaginandosi in varie vesti pensando che, mentre nella vita reale tutto è molto più serio e pericoloso, è bello rifugiarsi in vecchi sogni dove tutto è un gioco.

NoteModifica

  1. [1] Topolino 3114 - Topoinfo.org


Storia precedente Come un gioco Storia successiva
L'ultimo giorno

Topolino 3084

29 luglio 2015 Timecrime

Topo3153

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.