FANDOM


  • Dinamite Van Gogh e le melanzane pittoriche
  • Commenti


Giovanimarmotte Questa voce è stata eletta voce del mese nel settembre 2018!
Naturalmente gli interventi per completarla e migliorarla sono sempre i benvenuti!


Dinamite Van Gogh e le melanzane pittoriche
Dinamite Van Gogh e le melanzane pittoriche
Informazioni generali
Codice Inducks:I TL 3197-2
Sceneggiatura:Roberto Gagnor
Disegni:Stefano Zanchi
Prima uscita:1 marzo 2017
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:20
Lingua originale:italiano
Casa editrice:Panini Comics



Dinamite Van Gogh e le melanzane pittoriche è una storia pubblicata su Topolino n° 3197 di Marzo 2017 scritta da Roberto Gagnor e disegnata da Stefano Zanchi. Si tratta del quattordicesimo capitolo della serie La storia dell'arte di Topolino.

TramaModifica

1888. Nella Provenza (sud della Francia), Paperin Gauguin e Paperoga Gachet si stanno recando ad incontrare un pittore olandese per conto di loro zio Paperon De Centfrancs, collezionista d'arte e affarista in cerca di nuovi talenti da cui guadagnare. Il pittore si chiama Dinamite Van Gogh ed è conosciuto per avere un brutto carattere; le uniche cose cui tiene sono il suo cane Joseph Le Fiuteur e le melanzane che dipinge in tutti i suoi quadri. Dopo un incontra burrascoso, Paperoga lo convince a lavorare per loro zio in cambio di qualche franco con Dinamite potrebbe trasferirsi in periferia più il costo per eventuali danni fatti dai suoi schioppi. I tre così si trasferiscono sul Cucuzzole du Misanthrope dove Dinamite può lavorare e coltivare le sue melanzane anche se Paperin cerca inutilmente di convincerlo a cambiare soggetto. Fanno poi la conoscenza del loro vicino Zarron Le Truz, un altro artista che finisce per litigare subito con Dinamite prendendosi a schioppi.

Passano i giorni in cui Dinamite lavora alle sue opere assistito dai paperi, ma Truz trama qualcosa. Una mattina, dopo una bella notte stellata, Dinamite scopre che tutte le sue melanzane sono state rubate. Si reca subito da Truz, ma in casa sua non c'è nulla. Dinamite è disperato e i due di paperi decidono di perquisire di nuovo la casa di Truz una volta scesa la notte. Trovano così una stanza sotterranea dove Truz sta usando le melanzane, insieme ai semi di girasole, per creare un patè molto richiesto dai gourmet di Parigi e che intende vendere. I due paperi vengono però scoperti e catturati. L'odore delle melanzane bollite arriva fortunatamente fino a Joseph Le Fiuteur che avverte il suo padrone. Dinamite così ferma in tempo Truz prima che scappi sul suo carretto.

Le melanzane vengono ripiantate mettendo tutto in conto a Paperon. Quando il ricco papero arriva ad ammirare i quadri di Dinamite, l'artista però si rifiuta di darglieli poichè piacciono molto al suo cane che curerà le sue opere artistiche. A Paperon resta però da pagare per tutte le spese fatte e, furioso, comincia ad inseguire i nipoti con lo schioppo di Dinamite mentre a Truz arrivano solo offerte per i suoi quadri allo scopo di spaventare i corvi.

Dinamite Van Gogh 001

Una citazione al dipinto "Notte stellata"

Tratti storiciModifica

  • Il personaggio di Dinamite è ispirato al celebre pittore olandese Vincent Van Gogh. Van Gogh amava molto i girasoli (che in questa storia sono sostituiti dalle melanzane) realizzando molti dipinti con questo soggetto. Diversi riferimenti ai suoi dipinti sono sparsi per la storia
  • Il personaggio di Paperino è ispirato al famoso pittore Paul Gauguin che nella vita reale è stato amico di Van Gogh. Il personaggio di Paperoga invece trae spunto da un medico ed amico del fratello di Van Gogh che si prese cura di lui nell'ultimo periodo della sua vita.

Pubblicazioni italianeModifica

Storia precedente Dinamite Van Gogh e le melanzane pittoriche Storia successiva
Paperaggio e l’arte dei Ricchiscalchi

Paperaggio e l’arte dei Ricchiscalchi

1 marzo 2017 Zio Paperone e la factory di Andy Duckhol

Zio Paperone e la factory di Andy Duckhol

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.