FANDOM


Giovanimarmotte Questa voce è stata eletta voce del mese nel giugno 2020!
Naturalmente gli interventi per completarla e migliorarla sono sempre i benvenuti!




Ciclo paperingio
Ciclopaperingio
Informazioni
Codice Inducks:Qit/TSD 5D
Sceneggiatori:
Disegnatori:Luciano Bottaro
Episodi:4
Prima storia:Paperino il Paladino

(1960)

Ultima storia:Paperino e Paperotta

(1996)


Ciclo paperingio è una denominazione non ufficiale per una serie di storie dell'universo dei paperi ambientate nel Medioevo feudale, dovute totalmente o in parte a Luciano Bottaro.
Queste storie, pur non possedendo una continuità cronologica ed essendo state create indipendentemente l'una dall'altra e a distanza di anni, presentano alcune caratteristiche comuni.

Il nome

Fra i primi studiosi ad usare il termine "ciclo paperingio" (e a parlare di "paperingi" con riferimento ai personaggi)[1] si possono citare Luca Boschi e Alberto Becattini, autori degli editoriali di accompagnamento alla ristampa delle storie di Bottaro sul quinto volume della collana Tesori Disney intitolato Paperino il Paladino, edito nel 2010.

Tuttavia il termine - che naturalmente ricalca, adattandoli scherzosamente al mondo dei paperi, gli aggettivi in -ingio riferiti a dinastie altomedievali (carolingio, lotaringio, merovingio, ecc.) - doveva essere già in uso fra gli appassionati, dato che ricorre in una discussione del Forum del Papersera già nel 2006[2].

La denominazione ciclo paperingio è accreditata anche dalla pagina Grandi Parodie Disney di Wikipedia[3].

Le storie

Le storie generalmente considerate parte della serie sono le quattro incluse nel quinto volume dei Tesori Disney, ossia Paperino il Paladino, Paperin furioso, Paperino e il tesoro di Papero Magno e Paperino e Paperotta[4]. Tutte sono sceneggiate e disegnate da Luciano Bottaro, che in due casi si avvalse di una collaborazione alla sceneggiatura: nello specifico Carlo Chendi per Paperino il Paladino e Alberto Autelitano per Paperino e Paperotta.

Si noti che solo parzialmente è possibile una sovrapposizione con il genere delle parodie Disney: infatti Paperin furioso e Paperino e Paperotta sono dichiaratamente parodie (seppure non troppo fedeli, soprattutto la seconda) rispettivamente del poema Orlando furioso e della leggenda di Tristano e Isotta; Paperino il Paladino è talvolta considerata la parodia del poema Orlando innamorato, ma la classificazione rimane discutibile in quanto le affinità con l'opera di Matteo Boiardo sono limitate; Paperino e il tesoro di Papero Magno è invece una storia in costume, ma non una parodia.

Inoltre, la vicenda di Paperin furioso, al contrario di quanto avviene nelle altre tre storie del ciclo, non sembra realmente ambientata nel Medioevo dell'universo dei paperi, ma semplicemente il frutto dell'immaginazione di Paperino, in seguito a un incantesimo operato su di lui dalla strega Nocciola.

Personaggi

Le quattro storie possiedono personaggi ricorrenti, in particolare Paperino il Paladino (anche se, come detto, in Paperin furioso il paladino sembra essere solo sognato dal Paperino moderno) e la strega Nocciola, già viva e indefinitamente vecchia nel Medioevo. Sono ricorrenti, seppure non necessariamente nelle stesse storie, anche Papero Magno, Ciccio lo scudiero e personaggi di minor rilievo come Archimede l'alchimista e Gastolfo. Invece i personaggi femminili, con l'eccezione di Nocciola, non presentano continuità.

Temi

Come detto, benché fondamentalmente indipendenti l'una dall'altra, le quattro storie presentano alcuni motivi comuni. Tutte sono ambientate nel Medioevo cavalleresco, naturalmente in Europa[5]. Le trame sono complesse, ricche di avventure e di colpi di scena, e sono incentrate soprattutto sulle imprese di un papero cavaliere, sosia di Paperino, identificabile con Paperino il Paladino.

Il paladino è molto diverso dal Paperino moderno, in quanto si comporta sempre con audacia e sprezzo del pericolo, riuscendo generalmente ad avere la meglio sui suoi numerosi avversari. Tuttavia, si tratta pur sempre di un antieroe, con molte debolezze e soprattutto fondamentalmente sfortunato: infatti non riesce mai a conquistare la protagonista femminile, di cui regolarmente si innamora, e per lo più i suoi meriti non vengono riconosciuti.

Altra caratteristica di queste storie è la presenza ricorrente della magia, per lo più impersonata dalla fattucchiera Nocciola (che, coerentemente con la sua caratterizzazione più tipica, appare talvolta generosa e disponibile, in altri casi maligna e dispettosa, ma quasi mai totalmente malvagia). Presenze costanti di queste storie sono anche mostri buffi e grotteschi, che popolano antri e foreste dell'oscuro Medioevo in cui vivono e agiscono i personaggi[6].

Episodi

N. Capitolo Pagine Codice Inducks Prima pubblicazione
1 Paperino il Paladino 30 I TL 247-AP Topolino n.247-248 (21-28 agosto 1960)
2 Paperin furioso 32 I TL 544-AP Topolino n.544-545 (1-8 maggio 1966)
3 Paperino e il tesoro di Papero Magno 57 I TL 873-AP Topolino n.873-874 (20-27 agosto 1972)
4 Paperino e Paperotta 68 I TL 2132-1 Topolino n.2132-2133 (8-15 ottobre 1996)

Note

  1. Il termine paperingio compare già nel 1974, nel titolo della storia Gastone e il chiodo paperingio, di Maria Luisa Ciceri e Romano Scarpa; tuttavia questa storia rimane ben distinta dal ciclo di Bottaro.
  2. [1] IL ciclo paperingio - Papersera.net
  3. [2] Le parodie Disney - Wikipedia.it
  4. [3] Tesori Disney #5 - INDUCKS.com
  5. Peraltro, anche se come spesso nell'universo Disney i riferimenti geografici sono scarni, si può dedurre che Paperin furioso e Paperino e Paperotta siano ambientate in Francia, mentre Paperino il Paladino sembra svolgersi in Italia.
  6. La presenza dei mostri caratterizza anche un'altra celebre storia di Bottaro ambientata nel Medioevo, ma generalmente non considerata facente parte del ciclo paperingio, Il dottor Paperus.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.