FANDOM


Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Ciccio (disambigua).


Ciccio
Ciccio lo scudiero
Informazioni generali
Residenza:imprecisato (per un certo tempo visse al castello del Duca Paperone)
Data di nascita:imprecisata (Medioevo)
Data di morte:imprecisata
Prima apparizione:Paperino il Paladino (1960)
Creato da:Carlo Chendi (testi)

Luciano Bottaro (Disegni)

Famiglia
Coniuge:Angelica (solo in Paperin furioso)
Parenti:

sconosciuti


Ciccio lo scudiero è un personaggio del mondo dei paperi, apparso per la prima volta nella storia Paperino il Paladino di Carlo Chendi e Luciano Bottaro e poi in tutte le altre rappresentanti del cosiddetto Ciclo paperingio; è evidentemente ispirato a Ciccio e potrebbe essere un suo antenato, anche se la questione non è precisata.

Storia

Non si sa molto di Ciccio lo scudiero, se non che viveva nel Medioevo ed era impegnato nel servizio del prode Paperino il Paladino, girando il mondo insieme al suo padrone. Quando Paperino dovette stabilirsi al castello del Duca Paperone, dovendo riparare ai danni inflitti alle milizie del nobile, Ciccio lo seguì, e poi, come il paladino, fu impegnato nello scortare Madonna Paperina a Portus Delfini. In seguito Paperino si dovette rivolgere all'avvocato Filippo Azzeccagarbugli per avere un parere legale: non potendo pagare la parcella, il paladino fu costretto a lasciare Ciccio al servizio del giurista. Da allora dello scudiero non si seppe più nulla.

Il personaggio è poi stato ripreso, con lo stesso aspetto e sempre al servizio di Paperino il Paladino, nelle storie Paperin furioso (in cui finisce addirittura per sposare la bella principessa Angelica al posto del suo padrone sfruttando un malinteso)[1], Paperino e il tesoro di Papero Magno e Paperino e Paperotta.

Caratteristiche

Ciccio lo scudiero è un sosia del moderno Ciccio, da cui si distingue solo per l'abbigliamento, adeguato al periodo medievale. Caratterialmente il personaggio non è approfondito, in quanto si limita a svolgere il ruolo di spalla nei confronti del suo padrone Paperino; come il Ciccio moderno, tuttavia, sembra piuttosto pigro e tardo di comprendonio.

Curiosità

  • Nella storia di esordio, come il suo padrone Paperino il Paladino, Ciccio lo scudiero si esprime generalmente in un curioso italiano con tratti linguistici arcaici. Questa caratteristica non è stata ripresa nelle altre storie.

Note

  1. Tuttavia, al contrario che nelle altre storie, la vicenda di Paperin furioso sembra solo frutto del delirio del Paperino moderno, temporaneamente vittima di un sortilegio.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.