FANDOM


Attenzione3
Questa è una Fan Fiction!!!
I fatti sotto riportati sono frutto della fantasia di un utente
Topolino pensieroso
«Diavolo, certo che tira un’aria pesante in questi giorni!»

Mentre camminava per le strade di Topolinia, Mickey pensava tra sé e sé. Negli ultimi giorni Basettoni l’aveva convocato un gran numero di volte. Ma mai senza una valida motivazione. Da una settimana o giù di lì, infatti, centinaia di Topolinesi sembravano essere stati colti da raptus di follia improvvisa, iniziando inoltre ad avere visioni di vario genere. Alcuni deliravano, altri pronunciavano frasi senza senso compiuto, molti blateravano qualcosa circa cose o persone comparse all’improvviso. Attacchi di allucinazioni collettive, molto probabilmente. Ma la cosa peggiore era che non poche di queste persone si erano lasciate andare a violenze e barbarie di ogni genere. La città era ormai nel caos. C’erano stati perfino alcuni omicidi. Omicidi! A Topolinia!

«Dove diamine siamo finiti, ad Anderville?!»

Mentre camminava assorto nelle sue rimuginazioni, Mickey non si accorgeva nemmeno di ciò che gli accadeva intorno. Dall’inizio della passeggiata, infatti, era passato di fianco ad almeno due risse, uno scippo, una rapina in banca e un furto in un’edicola. Non tutti questi avvenimenti erano direttamente collegati con le improvvise manifestazioni di follia: a Topolinia c’erano sempre stati numerosi criminali, e in quei giorni di caos avevano trovato terreno fertile per compiere nefandezze di ogni genere. Ad ogni modo, Mickey ormai era stanco di passeggiare, e perfino Pluto aveva la lingua penzoloni, tirando insistentemente in direzione di casa. I due tornarono quindi alla loro residenza. Mickey cercò distrattamente le chiavi di casa nelle tasche, per poi aprire la porta ed entrare. Pluto, appena libero dal guinzaglio, si fiondò immediatamente sul divano, dove, dopo un breve giro antiorario, si accucciò. Mickey invece rimase ritto davanti alla porta per circa un minuto, continuando a riflettere. Poi, finalmente, decise che era inutile lambiccarsi troppo il cervello: nei giorni seguenti avrebbe indagato, sarebbe giunto alla soluzione del caso ed eventuali colpevoli sarebbero finiti dietro le sbarre. Non era sempre così che era andata?.

Mickey mosse quindi i primi passi per la cucina, con l’intenzione di preparare qualcosa da mangiare, quando improvvisamente sentì una voce provenire da dietro di lui.


                                     Un augurio di buona giornata da parte mia hai,                                                                                                       Colui che artefice fu di tutti i miei guai.                                                                                                       Stai or ora per imbarcarti in una nuova avventura                                                                                                       Ma chi saprà mai qual essere potrà la tua ventura?                                                                                                           Intrighi, misteri, c’è molto da dire,                                                                                                                 Ma stai molto attento perché potresti persino... Morire.


Nell’ascoltare quella voce, il sangue di Mickey si gelò nelle vene. L’ultima volta che l’aveva sentita era stato pochi anni prima, e francamente avrebbe preferito non averla risentita mai più. Dopo un breve attimo di sgomento, si girò. Gli si parava davanti un uomo piuttosto alto, vestito con un cappotto lungo scuro. Dei capelli neri lisci mediamente lunghi gli scendevano fino quasi al basamento del collo, e un malizioso sorrisetto, uno sguardo maligno e un cappello a faglia larga completavano la cornice dell’individuo misteriosamente apparso nel soggiorno di Topolino.

«La Spia Poeta!» Sbottò Mickey, sconcertato dall’imprevista apparizione.

«Non ti avvicinare, o io ti... Io...» Mentre parlava, si guardava frettolosamente intorno alla ricerca di qualcosa da utilizzare come arma. Finalmente, mise le mani sul più pericoloso artefatto con funzione difensiva in versione casalinga mai progettato da mente umana: una scopa. Trovato qualcosa con cui minacciare il nemico, Topolino potè terminare la sua frase. «...Io sarò costretto a farti molto male!»

Il figuro non si scompose. La sua espressione rimase immutata. Lentamente, la Spia iniziò a camminare verso il divano, non curandosi nemmeno di Mickey. Si sedette quindi a circa mezzo metro da Pluto, che nel frattempo stava guardando il suo padrone con uno sguardo incuriosito dai suoi strani movimenti, di cui non capiva il motivo. Una volta messosi comodo, la Spia Poeta ricominciò a parlare.


                                                       Suvvia, Topolino, non ti affannare,                                                                                                                  C’è forse qualcosa che vuoi farmi pagare?                                                                                                            Mettiti comodo, ragiona un po’ con me                                                                                                                    Se vuoi potrei pure prepararti un buon tè.


«Farmi preparare un tè da te?! Hi, hi, carino il gioco di parole... Fossi matto! Come minimo, me lo avveleneresti. Non credere di incantarmi con le tue stupide rime baciate! Che cosa vuoi da me?» Disse Topolino con un’aria decisa e sospettosa, interrompendosi solo brevemente per sorridere per la sua stessa involontaria battuta.


                                                            Niente di particolare cerco da te                                                                                                        Se non brevemente scambiare due chiacchiere.                                                                                                                Sono tuo nemico, questo è vero,                                                                                                                E di ciò, lo ammetto, vado persino un po’ fiero.                                                                                                        Volevo però avvisarti che nei prossimi giorni                                                                                                        Strani figuri potresti veder aggirarsi nei dintorni.                                                                                                            Persone strane, da te conosciute                                                                                                                   Ma che per varie ragioni di vista hai perdute.                                                                                                     Di ciò però non dovrai essere succubo                                                                                                                  In fondo, sarà solo come un terrificante... Incubo.


Terminata la frase, la Spia allargò il suo sorriso ancora di più, assumendo un’espressione quasi demoniaca. Mickey rimase immobile per circa mezzo minuto, quasi come raggelato dalle oscure e inquietanti parole del suo antagonista. Alla fine, il detective si riprese, e ricominciò a parlare, abbassando nel frattempo lo sguardo sulle tasche mentre con la mano sinistra si frugava le stesse in cerca del cellulare, continuando comunque a impugnare la scopa con la mano destra come misura precauzionale.

«Ah, sì? Beh, molto interessante. Mi sa tanto che tutte queste cose le dovrai ripetere anche al commissario, dato che ora io chiamerò la...»

Topolino era riuscito finalmente a trovare il cellulare, pronto a selezionare il 911, ma appena alzò lo sguardo verso il divano, la Spia Poeta si era come volatilizzata. Era praticamente impossibile che avesse fatto in tempo a fuggire nei pochi istanti in cui aveva abbassato lo sguardo. Anche senza più nessun interlocutore, comunque, Mickey non riuscì a non terminare la frase già iniziata.

«...Polizia.»

Mentre Topolino, con un’aria alquanto stranita, rimaneva immobile al centro della stanza, continuando a tenere con una mano la scopa e con l’altra il cellulare, Pluto rimaneva con lo sguardo fisso sul suo padrone, cercando, con il suo cervello da cane, di comprendere quali motivazione avessero potuto portare Mickey a comportarsi come un forsennato nonostante fossero sempre stati soli in casa.

Storia precedente Phantoms in the Shadow: Capitolo II Storia successiva
Phantoms in the Shadow: Capitolo I

Phantom Blot

1 ottobre 2013 Phantoms in the Shadow: Capitolo III

Topolino e Basettoni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.