FANDOM




Blasco Pisapia
Blasco Pisapia
Informazioni generali
Nazionalità:Italiana
Codice Inducks:Blasco Pisapia
Data di nascita:Napoli
Campi:Disegnatore e Sceneggiatore
Prima storia:Coscienza ecologica,

Disney MEGAzine n°50

Lavori
Personaggi creati:
Lavori maggiori:
Vita privata


Blasco Pisapia (Napoli) è uno sceneggiatore e disegnatore Disney conosciuto dai suoi lettori per aver contribuito all'approfondimento dei luoghi più importanti di Paperopoli grazie a un'apposita rubrica, pubblicata su Topolino chiamata TopoTravel.

Carriera DisneyModifica

Blasco Pisapia debutta alle tavole di due storie da una pagina, pubblicate a gennaio e febbraio 1998 e su testi di Bruno Enna, nel mensile Disney MEGAzine. Successivamente, qualche mese dopo, fa il suo ingresso su Paperinik 57 con la storia Paperinik e il sospetto di Ciccio, sceneggiata da Diego Fasano. Continuerà a pubblicare esclusivamente storie, anche come sceneggiatore, per il mensile del supereroe mascherato facendo due incursioni anche sul mensile Paperino, nel 2000 e nel 2001, fino a quando nel 2002 approda su Topolino con delle rubriche pubblicate sul settimanale volte a esplorare più dettagliatamente i più importanti luoghi di Paperopoli, abitazioni dei personaggi inclusi, ampliando ancora oggi alcune voci che si vanno aggiungendo man mano.

Nel 2007 viene pubblicata la sua prima storia, seppur breve, sul settimanale dal titolo Paperino & Paperoga... andante con moto, scritta da Massimo Marconi. Oltre a realizzare le copertine di alcuni numeri di Topolino Blasco partecipa anche ad alcune saghe del settimanale creando la serie Storie di Zia Nena, nel 2014.

Nel 2018, analogamente a quanto fatto con la guida di Paperopoli, realizza la guida ufficiali ai luoghi più importanti di Topolinia.

Carriera Extra DisneyModifica

In campo editoriale, collabora come illustratore per diversi editori. Del 2011 è la sua graphic novel “Il pastore della meraviglia”.

Collegamenti EsterniModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.