FANDOM



Blackout
Pk2 12
Copertina
Informazioni generali storia lunga
Codice Inducks:I PK2 12-1
Sceneggiatura:Francesco Artibani
Disegni:Roberta Migheli
Inchiostri:Simone Maccari
Prima uscita:1 dicembre 2001
Casa editrice:Walt Disney Italia
Lingua:Italiano
Pagine:62
Personaggi storia lunga
Personaggi principali:
Nuovi personaggi introdotti:


Blackout è un episodio della serie PK2, scritto da Francesco Artibani, disegnato da Roberta Migheli e apparso per la prima volta nel dicembre 2001 sul numero 12 della rivista omonima.

Trama Modifica

Nel prologo, il comandante Mortimer Bloom si lascia colpire da un ladro entrato nel Duckmall Center vestito da Babbo Natale. Anche se il malvivente è subito catturato da Paperino, l’episodio convince Mortimer che è tempo di andare in pensione e scegliersi un successore.

Everett Ducklair ha messo la figlia Juniper alla guida del progetto Life, un programma per la riabilitazione degli ex-carcerati attraverso il lavoro. Fra i beneficati del progetto c’è anche Cormack Trevor, un ex informatico delle stesse Ducklair Enterprises, licenziato e condannato per spionaggio industriale.

Juniper  avverte che Cormack apparentemente rassegnato, cova un profondo rancore verso l’azienda e verso Anymore Boring, il responsabile della sua condanna. La sensitiva libera il desiderio di vendetta di Cormack e lo spinge a entrare nel cyberspazio per sabotare le industrie del padre.  Presto però Cormack sviluppa una personalità digitale, libera dal controllo mentale di Juniper, e obbliga col ricatto la ragazza ad attirare PK in una trappola. Convinto a entrare a sua volta nel cyberspazio per affrontare il responsabile dei sabotaggi che continuano ad abbattersi sulla città, l’eroe si trova prigioniero del mondo virtuale, mentre Cormack si impadronisce del suo corpo.

Il papero mascherato prima è costretto a combattere contro gli antivirus che Everett ha mandato in rete, poi rischia di essere cancellato quando il magnate, sollecitato dall’agente della PBI Malice Sturling [1] spegne il sistema elettrico della città. PK riesce infine a tornare nella realtà fisica, ma per trovarsi prigioniero del corpo di Cormack.

Anche in questa disperata situazione, PK non demorde; con l’aiuto di Lyonard D’Aq, affronta Cormack nell’ufficio di Boring e riesce a bloccarlo mentre cerca di fuggire sulla Pi-kar. Cormack, esamine, e Pk scambiano nuovamente i loro corpi e Juniper cancella dalla mente del primo il ricordo degli ultimi giorni.

Intanto, però, ricompare una vecchia minaccia. Korinna, rubata l’identità (Judith Taylor) e il lavoro come istitutrice a una ragazza incontrata in treno, torna a Paperopoli.

Analisi Modifica

La storia è importante per ciò che ci rivela sul carattere di Juniper. Anche se in un paio di occasioni la ragazza aveva già dimostrato di avere un lato oscuro, dietro l’apparente innocenza, solo a questo punto si rivela un personaggio fondamentalmente negativo.

Come la sorella, Juniper si dimostra vendicativa (i sabotaggi, che solo per caso non provocano vittime o danni irreparabili, sono motivati solo dall’odio per il padre), cinica (sacrifica ai suoi scopi sia Cormack che PK, di cui pure sembrava innamorata) e una bugiarda tanto abile che neanche alla fine PK si rende conto di essere stato manipolato da lei per tutta la storia.

Curiosità Modifica

  • La situazione di base era già stata mostrata, esattamente un anno prima, nel secondo episodio di Se…, dove era Due a scambiare il corpo con PK.
  • L’albo è uscito durante le feste di fine anno; vi sono riferimenti al Natale nel citato prologo e nella rubrica Digital PK2, dove sono riportate le lettere a Babbo Natale dei vari personaggi.

NoteModifica

  1. Già apparsa nell’episodio La fine della storia, dove, a differenza della sua collega Mary Ann Flagstarr, si mostrava diffidente e poco amichevole nei confronti di PK



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.