FANDOM



Bernard
Bernard
Informazioni generali
Specie:Cane Antropomorfo
Genere:Maschio
Residenza:Robopolis
Creato da:
Fumetti
Debutto in:Darkenblot - Il futuro è già qui (2012)


Bernard è uno degli ultimi agenti umani della polizia di Robopolis che nell'arco della serie andrà in pensione e che stringerà una forte amicizia con Topolino. Viene creato da Casty e Lorenzo Pastrovicchio per la saga di Darkenblot.

Aspetto e CarattereModifica

Bernard è un cane antropomorfo dai lunghi e folti baffi grigi e col viso coperto sempre da un cappello, anche dopo il pensionamento. Prima della pensione era un agente di Polizia e indossava sempre i tipici abiti da poliziotto, dopo la pensione torna a indossare abiti tipicamente più casual.

E un tipo molto allegro, onesto, generoso, coraggioso, socievole, saggio, altruista, gentile e amichevole che svolgeva molto bene il suo lavoro e stringe una vera amicizia con Topolino che aiuterà nei momenti di bisogno.

StoriaModifica

Durante le indagini di Topolino e del Tenente Zark sulle attività criminose compiute da alcuni robot della città, dopo aver scoperto dal vicesindaco Quon che il robot che lo ha aggredito si è diretto nel sottosuolo della città, Topolino verrà lasciato assieme a Bernard, un vecchio agente ormai prossimo alla pensione.

L'agente Bernard prende subito in simpatia Topolino e gli racconta che un tempo gli agenti umani erano i migliori, sfrecciando nei cieli con sofisticate attrezzature, e la gente li ammirava moltissimo finché non inizio l'era dei robot in cui due società proposero due modelli e a vincere furono gli E-pol lasciando la Kreomatic sconfitta nella gara poiché i suoi robot furono ritenuti troppo spaventosi. Il racconto viene però interrotto da un furto in una gioielleria da parte di un robot e Bernard e Topolino decidono di inseguirlo fino al sottosuolo dove rincontrano il Tenente Zark e scoprono un laboratorio segreto.

L'indomani Zark e Topolino, insieme a Bernard, guidano un'imponente azione di Polizia, per cercare di catturare Macchia Nera, mentre Persis inaugura la cerimonia del cambio di nome. Li scoprono di essere caduti in una trappola e dopo aver intuito il vero piano di Macchia Nera e corrono alla festa del sindaco dove Topolino, Bernard e gli altri poliziotti umani, attaccano i robot controllati da Macchia Nera, riuscendo a distruggerli. Dopo aver arrestato tutti i criminali il sindaco darà una bella medaglia al valore a Bernard congratulandosi per l'ottimo lavoro svolto e pregandolo di restare nella polizia ma l'agente preferirà andare in pensione e lasciare largo ai giovani.

In Darkenblot 2.0 - Regeneration, Topolino rincontra l'amico Bernard, dopo essersi rifugiato in un bar, durante la fuga dal Tenente Neve che lo insegue perché crede che stia collaborando con Macchia Nera. Bernard, ormai in pensione, sarà molto felice di rivedere l'amico e deciderà di coprirgli le spalle nascondendolo dal Tenente Neve e cercando di fargli capire che forse non e poi cosi colpevole come crede. Insieme alla sua squadra di agenti in pensione deciderà di aiutare Topolino a scoprire qualcosa in più sui colpi di Macchia Nera alle centrali elettriche e al messaggio lasciatogli dal professor Pattilus accompagnandolo a parlare con la giornalista Jocelyn Lane con la sua aereo nave e fornendogli l'utilissimo aiuto di Charlie uno spio-drone.

Con l'aiuto di Charlie, che sta seguendo Topolino nel covo di Mister Me e Macchia Nera, riuscirà a convincere finalmente il Tenente Neve e i robo-poliziotti della sua squadra dell'innocenza del suo amico grazie alle registrazione effettuate in diretta dallo spio-drone e ad avere cosi il loro supporto per sventare il piano malvagio dei due criminali.

In Darkenblot 3 - Nemesis, Bernard e compagni si recano, assieme a Topolino, alla fiera tecnologica mondiale di Miraitoshi. Qui scoprono che Macchia Nera, dotato di un nuovissimo Darkenblot, e i suoi nuovi complici stanno macchinando qualche losco affare. Anche in questa occasione Bernard e la sua squadra saranno un'ottimo aiuto per Topolino riuscendo a scoprire che tra gli alleati di Macchia Nera ce anche una vecchia loro conoscenza: il Capitan Bricco. La stranezza sta nel fatto che questo vecchio lupo di mare dovrebbe essere ormai morto da diversi anni. Successivamente, durante la resa dei conti finale con Macchia Nera, Bernard e soci scopriranno che il Capitan Bricco non è altri che un robot dalle sembianze umane.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.