FANDOM




Battaglia

Gli Unionisti spiano il forte Paperopoli

La battaglia di Paperopoli fu un grande scontro che ebbe luogo a Paperopoli, durante la Guerra di Secessione Americana (1861-1865).

La battaglia di Paperopoli è raccontata da Paperino a Qui, Quo, Qua in Paperino eroe di Duckburg, una storia di Romano Scarpa e Osvaldo Pavese, del 29 dicembre 1968.

ContestoModifica

I Confederati del Sud si erano impossessati della città di Paperopoli, in Calisota. Gli Unionisti, favorevoli all'unione del paese e leali al presidente degli Stati Uniti, tentano di recuperare questa città, la cui popolazione rifiutava manifestamente l'alleanza con i Confederati.

Episodi importantiModifica

Rifornimeni

Pianta dei rifornimenti degli Unionisti.

Per vincere la battaglia, gli Unionisti dovettero porre sotto assedio Forte Paperopoli, baluardo delle forze Confederate. Per mantenere l'assedio, però, avevano bisogno di un convoglio di rifornimenti proveniente dal loro quartier generale (e comprato a caro prezzo dall'avarissimo zio del bisnonno di Paperino), situato al di là di un fiume chiamato Blubber (presumibilmente un ramo secondario del Tulebug). Vennero reclutati dei soldati dalle zone circostanti, per permettere il trasporto del convoglio: fra questi bisogna ricordare il bisnonno di Paperino, anche lui chiamato Paperino.

Il rifornimento affidato al bisnonno era un carico di esplosivi, che, lanciato in maniera abbastanza fortunosa contro Forte Paperopoli, lo fece esplodere. Una volta distrutto il forte, Paperopoli fu liberata dai nordisti e Paperino fu ricompensato con la stella al valore.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.