FANDOM


Disambiguazione – Se stai cercando il cugino di Paperone vissuto nel vecchio West, vedi Arpagon de' Paperoni.



Arpagone Paperone
Arpagone Paperone
Informazioni generali
Residenza:Francia
Data di nascita:Imprecisata (da supporre fra fine del Cinquecento e inizio del Seicento)
Prima apparizione:Zio Paperone e "L'avaro" di Molière (1 ottobre 1985)
Creato da:


Famiglia
Parenti:





Arpagone Paperone è un personaggio della banda Disney creato da Alessandro Bencivenni e Sandro Del Conte, comparso in un'unica storia, la parodia Disney Zio Paperone e "L'avaro" di Molière. È presentato come un antenato in linea diretta di Paperon de' Paperoni, benché non figuri in nessuno degli alberi genealogici.

Storia Modifica

La storia di Arpagone Paperone è contenuta in un antico manoscritto tuttora conservato nella biblioteca del discendente Paperon de' Paperoni.

Arpagone, avarissimo mercante francese del Seicento, si dedicava a ogni genere di affari, in particolare al commercio delle patate, all'epoca importate da poco in Europa. Con lui vivevano tre nipoti cugini fra loro, sosia di Paperino, di Paperina e di Gastone: Paperino era addetto alle mansioni più umili, Gastone fungeva da segretario, e Paperina, corteggiata da entrambi i cugini, aspettava di sposarsi, benché il ricco zio non intendesse darle un soldo di dote.

Arpagone Paperone era in pratica interessato solo ad accumulare denaro e a limitare il più possibile ogni forma di spesa. Inoltre era morbosamente attaccato ai diecimila scudi d'oro contenuti in una cassapanca, di cui non voleva che nessuno venisse a sapere il contenuto. Quando dei criminali simili ai Bassotti, sfruttando l'ingenuità di Paperino, riuscirono a rubare il mobile e a prelevare come ostaggio Paperina, Arpagone si disperò più per le monete d'oro che per la sorte della nipote.

In seguito, recuperato dopo varie disavventure il maltolto e liberata Paperina, Arpagone concesse a Paperino la mano della nipote, a condizione che recuperasse personalmente uno a uno gli scudi d'oro che lo stesso papero, durante l'ennesima lite con Gastone, aveva fatto cadere in mare.

Parentele Modifica

A differenza dell'Arpagone di Molière (che è vedovo con due figli, Elisa e Cleante), il Arpagone Paperone è scapolo e a quanto pare senza figli[1]. Come avviene generalmente nell'universo Disney, le parentele sono ridotte al legame fra zio e nipoti e fra cugini. Inoltre, se il personaggio di Molière ha velleità matrimoniali (vorrebbe sposarsi con la giovane Mariana, che in realtà è innamorata di Cleante) il papero della parodia Disney sembra indifferente a qualunque sentimento amoroso e ha come unico interesse il denaro.

Arpagone Paperone è dichiaratamente antenato di Paperon de' Paperoni, ma non è mai stato inserito in nessun albero genealogico e i dettagli della sua parentela con la stirpe dei paperi non sono chiari; potrebbe essere un membro di un ramo collaterale del clan De' Paperoni (trasferitosi dalla non lontanissima Scozia in Francia?), o, ammesso che Paperone sia il cognome, potrebbe essere imparentato con la famiglia Paperone.

Aspetto fisicoModifica

Arpagone è in tutto simile a Paperon de' Paperoni tranne che per il vestiario, adeguato al periodo in cui vive: malgrado la sua avarizia veste in maniera abbastanza lussuosa, con una sottoveste e una giacca dal bordo ricamato. Porta inoltre un cappello nero e scarpe nere, e, come il papero moderno, occhiali a stringinaso.

CarattereModifica

La parodia Zio Paperone e "L'avaro" di Molière si regge praticamente sull'identificazione di un personaggio ispirato a Paperone con uno dei più celebri avari della storia della letteratura. Arpagone Paperone risulta quindi, naturalmente, attaccatissimo al denaro, vive nel terrore di essere derubato e, come il Paperone moderno, sfrutta senza ritegno il lavoro dei nipoti per arricchirsi sempre più.

NoteModifica

  1. Peraltro Paperone dichiara di essere discendente diretto di Arpagone, che quindi dovrebbe avere o avere avuto dei figli di cui però non si sa nulla.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.