FANDOM



Agarthi
Agarthi

La città di Agarthi

Informazioni generali
AbitantiIperborei
Governato da:Tabìa Anirudda
Fumetti
Creato da:Casty
Prima comparsa:Topolino e l'impero sottozero (2015)


"È una ragazza buona e generosa, ma... nasconde anche un terribile segreto! Tabìa è l'unica a conoscere l'ubicazione di Agarthi"
Ulian a Topolino

Agarthi è una città leggendaria nascosta nella catena dell'Himalaya, capitale del leggendario popolo dei Crion. È stata inventata da Casty per la storia Topolino e l'impero sottozero.

Il mito di questa città inaccessibile appartiene alle leggende tradizionali di numerose civiltà orientali ed è stato descritto per primo nelle opere di Willis Emerson[1][2].

La cittàModifica

Agarthi è localizzata all'interno della catena montuosa dell'Himalaya e si estende nel sottosuolo per numerosi chilometri. Il suo accesso è ben nascosto tra i picchi innevati ed è sigillato in modo che possa essere aperto solo dall'interno.

Agarthi 3

Il portale di accesso di Agarthi

All'interno di Agarthi il popolo degli Iperborei, la cui vita si basa sul ghiaccio e le basse temperature, trova riparo durante i periodi caldi che intercorrono tra due ere glaciali. Tutte le creature Crion vengono richiamate ad Agarthi dalla guardiana destatrice e vengono fatte sprofondare in un letargo millenario per tutta la durata del disgelo. L'attuale guardiana destatrice nonché sovrana di Agarthi è Tabìa Anirudda.

All'interno della città sono conservate le preziose scoperte dell'avanzata tecnologia iperborea. Lo stato della Gelonia guidato da Aljoska e dal Conte Dragpo cerca di impadronirsi di queste invenzioni, ma viene sconfitto da Topolino e Atomino.

NoteModifica

  1. [1] Agarthi - Wikipedia.it
  2. [2] Topolino 3093 - Approfondimento a Topolino e l'impero sottozero pagg 50-55
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.